Divinità

23 Ott

Ideazione, riprese e editing di Vito Ceo su di un brano musicale di Tonj Acquaviva.

 

Questo video è stato realizzato con immagini riprese nel campo della nostra Azienda Agricola BioCannabis, situato in una valle incontaminata del Lazio al confine con l’Abruzzo, a 700 metri di altezza sul livello del mare nell’Appennino centrale. Ringraziamo di cuore Vito Ceo e Tonj Acquaviva per averci regalato questa magnifica emozione.

La sensazione che si prova immergendosi tra le profumate onde di un mare di fiori di canapa e la consapevolezza di quanto non sia (purtroppo) frequente imbattervisi e potervisi addentrare, toccarle e odorarle, hanno stimolato in Vito Ceo l’idea di comunicarne l’emozione attraverso questo video che, tranne che per l’odore, ne è una magistrale rappresentazione.

Mentre lavoravamo al campo durante l’estate, Vito veniva spesso a trovarci con la sua telecamera, accumulando ore e ore di riprese. Le ha poi montate e le aveva già pensate con e per la musica di Tonj Acquaviva. Il brano musicale che ha scelto e che Tonj Acquaviva ci ha con entusiasmo generosamente concesso, narra storie di mare in siciliano con sonorità a tratti anche orientaleggianti (il flautista Binod Katuwal è nepalese).

Sorprendentemente attinente quindi, la scelta del brano “Divinità” tratto dall’album “Kuntarimari” (racconti di mare), per tentare di descrivere l’emozione che si prova in un MARE VERDE di infiorescenze femminili della nostra divina, generosa e amata pianta.

Una rigogliosa vegetazione in valle con uno sfondo, visivamente somigliante alle alture pre himalaiane nel nord del continente Indiano e delle quali, queste immagini con quelle sonorità, ne evocano le suggestioni.

Di seguito riportiamo il testo del brano “DIVINITÀ”, che assieme ad altri stupendi brani, compone l’album “KUNTARIMARI”, un gioiellino della World Music in siciliano, apprezzato non solo in Italia.

DIVINITA’
(Tonj Acquaviva – Jaka)

Ci siti unni siti un vi viu, un vi viu
sentu chi ci siti puru s’ un vi viu
avi rà notti ri tempi ri scanti
cu và pì mari prja li santi
chi ridi cu cori cà menti chi canti
cantu ri cunti rì mari
comu me nannu
chi mi cuntava quant’era ranni u mari tannu
stù jornu vju stù munnu, rinasciri rù funnu
avemu u nasu pì ciarari,
u cori pì taliari e i manu pì prjari ì divinità ru mari
mi specchiu nnò mari, iddu è sinceru
e u cori sì rapi comu stù celu
ci siti unni siti un vi viu, un vi viu
sentu chi ci siti puru s’ un vi viu
Cunti ri mari cantu cunti ri mari
cantu cunti ri mari,
cuntu cunti ri mari cuntinuamu a rimari
cuntinuamu a cuntari,
ri reami supremi ri divinità ru mari
cunti ri mari, cantu cunti ri mari.
A mari nnì jccamu a mari, a mari jucamu a mari
unnì viriti cchiù, siti varchi senza ventu
stralunati nnè tuimmenti
‘nzocc’ama a fari pì chiamarivi?
ama addumari u mari?
Branwen, Conventina,
Sedna, Morgana,
Caicai Vilu, Dhakini, Anahita, Chucham Gyalmo.
mi specchiu nnò mari,
iddu è sinceru, e ù cori si rapi com’ù stù celu.
Ci siti unni siti un vi viu, un vi viu.